Un giro a Milano: 14 cose da vedere, strane o poco note

L’Expo riempirà Milano di turisti. Qualche suggerimento che va oltre Duomo, Cenacolo e quadrilatero della moda. Molto oltre. 

La scrofa semilanuta

Immagine 1 di 14

Milano, da Mediulanum. Letteralmente, mezza lana. La scrofa semilanuta, bassorilievo incastonato in uno degli archi di Palazzo dei Mercanti (via Mercanti, piazza Duomo), è per questo motivo uno dei simboli di Milano. Anzi, fu IL simbolo in età comunale, e fu scalzata dalla Vipera Gentile, il serpente (o biscione) della famiglia Visconti.

L’Expo promette di invadere Milano di turisti, nei sei mesi (1 maggio – 31 ottobre 2015) in cui si terrà. E turismo a Milano significa, di base, piazza Duomo e Castello Sforzesco, Navigli, serata alla Scala, visita al Cenacolo, acquisti al Quadrilatero della Moda. In seconda battuta, la Pinacoteca di Brera e le altre decine di (splendidi) musei cittadini, una partita a San Siro, una visita a Sant’Ambrogio, un giro tra i grattacieli di Porta Nuova.

Per chi contempli una terza battuta, per i milanesi che vogliono conoscere cose strane o inedite della propria città, o per quelli che si chiedano cosa siano quelle cose strane, ecco un piccolo vademecum. Non è come le 36 ore a Milano di recente postate suggerite dal New York Times, ma vale la pena considerarlo.


POTREBBE ANCHE INTERESSARTI...