Prima di Photoshop: 11 vip fotografati e distorti

Ora basta un mouse e qualche click. Ma negli anni Cinquanta ci si doveva ingegnare, per distorcere le foto.

Andy Warhol - 1960

Immagine 1 di 14

[source: retronaut]

Si chiamava Arthur Fellig, ma era molto più noto come Weegee. Faceva il fotografo, ed era uno dei re di Manhattan. Dal 1935 in poi lavorò per la cronaca, documentando centinaia di casi di nera, riuscendo ad arrivare quasi sempre prima della Polizia sulla scena del crimine. Per diletto, cominciò a sperimentare la manipolazione dell’immagine. In un’epoca in cui non c’erano mouse e Photoshop ad aiutare, e a trasformare un po’ tutti in photoeditor, bisognava ingegnarsi davvero per ottenere effetti particolari da una fotografia. Weegee lavorava in vario modo: talvolta sovrapponeva due negativi, altre volte toglieva gli obiettivi canonici e li sostituiva con dei caleidoscopi. Insomma, operava da artigiano con un’inventiva pazzesca.

Ecco 14 risultati del suo lavoro.

 


POTREBBE ANCHE INTERESSARTI...