I 10 brand più «forti e famosi» del calcio mondiale

La classifica spiega anche alcune cose sul valore del Milan, di cui si discute molto in questi giorni.

1 - FC Barcelona

Immagine 1 di 10

Rating: AAA+

BSI: 93/100

Valore del marchio: 773 milioni di dollari

Sta facendo molto discutere, in questi giorni, l’acquisto di una consistente quota societaria del Milan da parte dell’imprenditore thailandese Bee Taechaubol. Secondo quanto scrive Marco Iaria sulla Gazzetta dello Sport, la trattativa durerà due mesi in esclusiva e riguarderà il 48% del pacchetto azionario, valutato 480 milioni di euro. Ciò significa che l’1% del Milan vale 10 milioni, e che l’intera società vale 1 miliardo.

I deludenti risultati sportivi delle ultime stagioni, la mancanza di un top player di livello mondiale (non un Messi o un Ronaldo, ma almeno un giocatore del livello di Ibrahimovic o di Diego Costa), due stagioni consecutive – quella appena terminata e la prossima – senza giocare coppe europee, un indebitamento netto di 247 milioni di euro: tutto ciò fa dire a molti – sia negli ambienti finanziari sia al bar davanti ai giornali – che il Milan è sopravvalutato. In realtà, un elemento a favore di tanta stima finanziaria c’è, ed è la presenza nella Top Ten dei marchi calcistici mondiali.

La classifica viene stilata ogni anno da Brand Finance, la società di consulenza leader al mondo nella valutazione, appunto, dei brand. Secondo questa classifica, il Milan è al decimo posto per quanto riguarda il brand rating, concetto che merita due righe di spiegazione.

Al pari di agenzie come Fitch o S&P, Brand Finance assegna un rating – da AAA+ a D, in ordine decrescente – al marchio delle società calcistiche, e ne compila la classifica basandosi su un indice, il BSI (Brand Strenght Index), calcolato tenendo conto di una serie di parametri: investimenti in marketing; un brand equity in cui entrano valori come l’affetto dei tifosi, la soddisfazione dei clienti, la partecipazione dello staff e degli azionisti, e i successi sul campo; l’impatto di tutto ciò sul business societario e sulle sue performance. Il BSI del Milan è di 82/100. La cosa importante da tenere in conto è che non si tratta di un valore assoluto: se andiamo a vedere il report di Brand Finance, si nota come il Milan, alla voce «valore del brand», sia al 14esimo posto, superata da club quali Schalke 04, Borussia Dortmund o Paris Saint-Germain che, per BSI e per rating, non sono nella top ten. Così come vediamo che società con un brand value altissimo (il Manchester United, per esempio), non sono in vetta.

Insomma, a dispetto di tutto il Milan può ancora contare su un marchio forte e convincente; non come i nove che la precedono in questa classifica (dove appare un’altra italiana), ma comunque solido.


POTREBBE ANCHE INTERESSARTI...