Fantozzi compie 40 anni: 18 cose da sapere su di lui

Quarant’anni anni fa usciva il primo film di una serie che avrebbe avuto un successo mostruoso. Ecco 18 cose da sapere. E 18 non è un numero casuale…

La filosofia di Fantozzi

Immagine 1 di 18

È tutta in una battuta pronunciata dal ragioniere in «Fantozzi contro tutti», terzo film della saga (1980): «...Io, Pina, ho una caratteristica: loro non lo sanno, ma io sono indistruttibile, e sai perché? Perché sono il più grande "perditore" di tutti i tempi. Ho perso sempre tutto: due guerre mondiali, un impero coloniale, otto - dico otto! - campionati mondiali di calcio consecutivi, capacità d'acquisto della lira, fiducia in chi mi governa... e la testa, per un mostr... per una donna come te.»

Il 27 marzo 1975 appare nei cinema un film con Paolo Villaggio, diretto da Luciano Salce. Si intitola Fantozzi e racconta le tragicomiche vicende di un italiano medio: ragioniere, impiegato, servile, eternamente sconfitto. Non è un personaggio del tutto nuovo, poiché Villaggio lo ha già interpretato in alcuni sketch televisivi. Ciononostante, ottiene un successo mostruoso e dà vita a un filone da 10 film, facendo dell’attore genovese una macchina da box-office.

A quarant’anni esatti dall’uscita, ecco 18 curiosità su uno dei personaggi più amati d’Italia, capace di dar vita a un aggettivo – fantozziano – stabilmente inserito in tutti i dizionari della lingua italiana. Fantozziano come il numero 18, che come vedrete non è stato scelto a caso.

 


POTREBBE ANCHE INTERESSARTI...